Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 30 Maggio 2020, ore 14.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Decreto Scuola, Anief insiste nel chiedere la riapertura delle graduatorie di istituto

E' giunto il momento di investire sul prossimo anno scolastico, riaprendo le graduatori d'istituto o riconfermando i docenti sui posti assegnati quest'anno. Si tratta di scelte cruciali e non rinviabili, per far ripartire bene il prossimo anno scolastico ed evitare il consueto balletto estivo di licenziamenti e supplenze, ingestibile dopo i disagi causati dall'epidemia di coronavirus.

Lo ha spiegato in una intervista a Teleborsa Marcello Pacifico, Presidente del sindacato Anief, lanciando un appello al Governo ed al Ministro per modificare quanto contenuto nel Decreto Scuola.

"Sulle graduatorie e sul reclutamento del personale docente, e più in generale, sull'avvio del prossimo anno scolastico, il sindacato Anief ha le idee molto chiare e ritiene che l'eventuale rinvio dell'aggiornamento delle graduatorie d'istituto porterà di fatto un inizio pessimo dell'anno scolastico". Una scelta che sarebbe condizionata dalla difficoltà del Miur di gestire l'enorme quantitativo di domande, che non sembra convincere il sindacato.

"L'altra soluzione sarebbe quella di confermare tutti quanti gli attuali supplenti sui posti assegnati, anche se questo non risolverebbe il problema del precariato. E vi sarebbe anche una soluzione intermedia, che prevede la conferma del personale sui posti non vacanti ed il reclutamento dei precari delle graduatorie d'istituto".

"A nostro avviso bisogna mettere le scuole nelle condizioni di poter lavorare bene il prossimo anno scolastico. Non ci sono altre soluzioni. Sicuramente non si può assistere al balletto dei licenziamenti che potrebbe avvenire anche quest'estate. Questo non giova alla scuola che ha bisogno di certezze".

"L'Anief chiede quindi al governo di cambiare idea sull'eventuale rinvio della riaperture delle graduatorie d'istituto ed al Ministro di interrogare chi fornisce questo servizio di gestione telematica digitale, per garantire il corretto espletamento di tutte le chiamate".

"La scuola ha bisogno di personale fisso e, se precario, deve essere stabilizzato e non deve essere chiamato occasionalmente. Invitiamo tutti quanti - il governo ed il Ministro - a ripensare eventualmente a questa scelta. Si tratta di una necessità e ci aspettiamo che venga fatta per iniziare bene il prossimo anno scolastico visto quello che sta succedendo adesso con l'emergenza coronavirus".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.