Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 30 Maggio 2020, ore 14.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Anief in Senato discute su mobilità, precariato e organici in merito al Decreto Scuola

Prosegue l'iter del Decreto Scuola che dopo l'approvazione nei giorni scorsi in CdM e la successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è giunto sui tavoli di Palazzo Madama con l'assegnazione in Commissione per l'esame volto ad apportare emendamenti migliorativi.

"Fornire risposte certe": questo il messaggio scandito a chiare lettere dal giovane sindacato Anief, tra le sigle audite, come ha ribadito il Presidente Marcello Pacifico durante il suo intervento. La strada della chiarezza, dunque, è l'unica da imboccare per rispondere e risolvere le tante criticità emerse nella fase emergenziale. Come Anief, da sempre in prima linea per la difesa dei lavoratori della scuola, abbiamo presentato 30 modifiche, a partire dall’art. 1, “Delega agli organi collegiali per il recupero degli apprendimenti”: crediamo fermamente - sostiene Pacifico - che la Didattica a distanza debba essere oggetto di valutazione, poiché il lavoro svolto dai docenti durante la sospensione della didattica deve trovare una validazione all'interno degli organi collegiali (collegio docenti, consigli di classe, di dipartimento), al fine di poter predisporre un piano di recupero rispondente alla disponibilità e all'utilizzo da parte di ogni discente e di ogni docente degli strumenti informatici e di quanto messo in atto durante questo periodo”.

Per quanto riguarda poi il problema del reclutamento, per Anief "bisogna abrogare il rinvio dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto, altrimenti registreremo record supplentite: necessario aggiornarle, poiché, essendo provinciali, possono essere utilizzate come bacino per le assunzioni. È una procedura semplice, per titoli: è stata messa in atto a Trento, perché non estenderla a tutta la Nazione? Necessario riaprire le GaE, come accaduto già due volte nel passato recente. Urge poi pensare a misure indifferibili per conseguire la specializzazione su sostegno: in considerazione della sospensione di tutte le procedure concorsuali, risulta necessario pianificare procedure semplificate di specializzazione per consentire l’accesso ai ruoli al personale precario che da anni presta servizio e al personale di ruolo che vuole presentare domanda di passaggio”, ha continuato il leader dell’Anief.

Sulla composizione delle classi - altro tema di particolare complessità - “abbiamo pensato a una formazione con 15 alunni per permettere il distanziamento sociale e la tutela della salute degli studenti”, ha affermato ancora Pacifico. Per i facenti funzione Dsga, “abbiamo valutato il passaggio dei facenti funzione DSGA con 24 mesi di servizio”.

Capitolo concorsi, “come noto, i bandi ci saranno e ci chiediamo: visto che, data la situazione emergenziale, non potranno essere immessi in ruolo dal 1° settembre, perché non riaprire le graduatorie e attingere da quelle? conclude Pacifico con l'auspicio di ricevere quanto prima risposte efficaci.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.