Facebook Pixel
Lunedì 17 Gennaio 2022, ore 04.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Obbligo vaccinale, Anief lancia una petizione per cambiare la norma

Pronte anche le prime FAQ, il modello di richiesta per il lavoro agile e il ricorso al Tar

Il Decreto legge che impone l'estensione dell'obbligo vaccinale al personale scolastico approda in Parlamento: l'iter inizia presso la Commissione Affari Costituzionali del Senato. Lo ricorda Marcello Pacifico, presidente del sindacato della scuola Anief, annunciando "abbiamo lanciato una petizione e speriamo di raccogliere tantissime firme per dimostrare che è necessaria la modifica di questo testo".



Una modifica si impone - sostiene il sindacalista - perché il personale scolastico, quando aumentano i contagi nelle scuole, può fare Didattica distanza ed il personale ATA può continuare a svolgere il lavoro in modalità agile ed è abituato a svolgere questa attività a distanza, a differenza del personale sanitario.

"Non si ravvede quindi la necessità di questo obbligo, nel rispetto di scelte personali, etiche o religiose, e perché può portare alla sospensione dal servizio o dallo stipendio", afferma il Presidente dell'Anief.

"Abbiamo anche elaborato alcune faq, proprio per gestire questo momento importante, che dal 15 dicembre andrà a coinvolgere migliaia di insegnanti ed anche il personale amministrativo", sottolinea Pacifico, aggiungendo "riteniamo che debba essere concessa al personale la facoltà di continuare il proprio lavoro a distanza, oppure essere spostato ad altra mansione con la conservazione della retribuzione o, ancora, in estrema ratio, in caso di sospensione, che debba essere attribuito al personale quell'assegno alimentare che viene attribuito al personale sospeso".

"Sarebbe veramente illogico che il personale sospeso non solo non possa avere il Reddito di cittadinanza, ma neanche l'assegno alimentare", afferma il leader del sindacato, concldendo "L'Anief ha anche predisposto un modello da inviare al dirigente scolastico. E' importante che sia inviato da chiunque voglia ricorrere al TAR e dinanzi al giudice del lavoro per tutelare i propri diritti contro l'imposizione di questo obbligo".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.